Vi è mai capitato di acquistare una app su Google Play Store, e di rimanere così delusi da rimpiangere di averne effettuato l’acquisto? Spesso e volentieri – purtroppo – molte app reperibili nello store sono piene di bug, insoddisfacenti, o addirittura non sono neanche lontanamente in grado di fare quel che viene promesso nelle loro descrizioni. O, semplicemente, si tratta di un gioco, e il gioco non ci piace. Ci sono tanti motivi per desiderare di poter tornare sui propri passi, e per fortuna adesso c’è anche un metodo per farlo: richiedendo il rimborso dell’app.

C’è una buona notizia e una cattiva notizia. La buona notizia è che sarà sempre possibile richiedere il rimborso delle app acquistate. La cattiva notizia è che, se non volete troppi grattacapi, il rimborso va chiesto entro due ore dall’acquisto.

Rimborso su Google Play Store: il metodo facile

Il metodo più semplice e veloce per ottenere il rimborso di una app o di un gioco è richiederla direttamente attraverso il Play Store. Dopo aver avuto accesso a Google Play Store, è sufficiente andare nell’Account Personale, scorrere l’elenco delle app acquistate, accedervi, e utilizzare il tasto “Rimborso”. Il processo deve essere compiuto entro due ore dall’acquisto, e non potrà essere effettuato più di una volta. Insomma, se cambiassimo idea e, dopo aver ottenuto il rimborso, decidessimo di riacquistare l’app per poi rimanere nuovamente delusi, saremmo decisamente recidivi.

Ad ogni modo, due ore sono più che sufficienti per determinare se l’app o il gioco sono di nostro gradimento, e se la descrizione delle funzionalità delle applicazioni rispecchia le sue reali possibilità. Essendo venuti a conoscenza del fatto che c’è questa possibilità, può diventare buona norma quella di provare le applicazioni immediatamente dopo l’acquisto, e quindi di evitare l’acquisto di app e giochi se sappiamo di non avere immediatamente il tempo per provarle. Se si rinvia la prova, è dunque conveniente rinviare anche l’acquisto.

Che fare, invece, se vogliamo richiedere un rimborso ma sono già passate due ore dall’acquisto?

Rimborso su Google Play Store: dopo due ore dall’acquisto

Guida • Come farsi rimborsare le App su Google Play Store

 

Se sono passate due ore o più dall’acquisto, la palla passa da Google allo sviluppatore dell’applicazione o del gioco. Non c’è la certezza assoluta del rimborso, ma è dunque possibile scrivere agli sviluppatori per esprimere le motivazioni che vi portano a chiedere il rimborso del denaro speso. La decisione dell’eventuale rimborso è a loro totale e più assoluta discrezione.

Ma come possiamo raggiungere gli sviluppatori per inondarli di lamentele? È sufficiente accedere alla pagina dei dettagli dell’applicazione, che possiamo trovare comodamente all’interno della cronologia delle applicazioni e dei giochi acquistati, espandere la descrizione, e sperare che lo sviluppatore abbia inserito correttamente il proprio contatto o che, in tal caso, ci sia qualcuno che controlli le email periodicamente. Dovrebbe essere disponibile una funzione o un form per scrivere direttamente allo sviluppatore attraverso Play Store.

Rimborso su Google Play Store: acquisti in-app

Può capitare che su Google Play Store siano presenti applicazioni o giochi gratuiti, e che gli sviluppatori, per monetizzare il proprio prodotto, abbiano deciso di percorrere la strada degli acquisti in-app, ossia gli acquisti di oggetti (virtuali), funzionalità premium, etc. all’interno dell’applicazione o del gioco stessi.

In tal caso, non sarà possibile sfruttare la funzionalità di rimborso diretto tramite Google Play Store entro due ore dall’acquisto, ma sarà ugualmente possibile tentare di contattare gli sviluppatori, come spiegato in precedenza, per manifestare i motivi per cui non si è soddisfatti dell’acquisto, e provare a ottenere un rimborso. Ancora una volta, sarà a discrezione degli sviluppatori decidere se le motivazioni sono valide o meno.

L’ultima spiaggia: Contattare Google

L’acquisto è avvenuto dopo due ore dall’acquisto, e gli sviluppatori non hanno risposto alle nostre richieste di rimborso? C’è ancora un ultima risorsa che possiamo sfruttare per tornare in possesso dei nostri soldi: rivolgersi direttamente al supporto Google. Il team di assistenza di Google è a disposizione degli utenti per risolvere tutti i problemi.

Naturalmente ci sono delle linee guida da seguire. In primo luogo, bisogna prima contattare gli sviluppatori, e ciò è possibile nei seguenti casi:

Guida • Come farsi rimborsare le App su Google Play Store

Se non è possibile contattare lo sviluppatore perché questo non ha fornito un contatto, o semplicemente perché non ha risposto ai nostri messaggi o, se lo ha fatto, la risposta ottenuta non è stata soddisfacente, allora è possibile contattare l’assistenza Google. Anche in questo caso, naturalmente, è a discrezione di Google decidere se ci sono i presupposti per un rimborso, o se la richiesta dell’utente non è da considerarsi valida.

Tempi di rimborso di Google Play Store

Per quanto riguarda invece i tempi di rimborso, dipende tutto dal metodo di acquisto: chi ha utilizzato una carta di credito o PayPal dovrà aspettare dai 3 ai 5 giorni lavorativi. Va meglio per chi ha utilizzato direttamente il saldo (o una carta regalo) di Google Play Store o il saldo di Google Wallet: il rimborso avverrà in 1 solo giorno lavorativo. Per chi avesse invece effettuato l’acquisto tramite fatturazione diretta con l’operatore, si parla del mese successivo.

Per concludere: se non siete soddisfatti delle app e dei giochi acquistati su Google Play Store, agite con rapidità e chiedete immediatamente il rimborso tramite la nuova funzione del Play Store, altrimenti i tempi e l’impegno che dovrete profondere per ottenerlo aumenteranno, e in ogni caso non vi sarà più la certezza di recuperare i vostri soldi.

Per ulteriori informazioni, vi invitiamo a consultare la guida ufficiale di Google Play.

NO COMMENTS