Informatica, chi ha paura del pensiero computazionale?

10 marzo 2016
1 Views

Sempre più frequentemente capita di leggere, nel contesto di riflessioni più generali, considerazioni critiche verso i progetti di formazione degli studenti al pensiero computazionale realizzati dal Miur. Ecco l’ultima in ordine di tempo.

Come coordinatore, insieme al collega Giorgio Ventre, del progetto di punta del Miur in quest’ambito Programma il Futuro, che dopo il successo del primo anno è partito ancora meglio nel secondo con circa 600.000 studenti e 10.000 insegnanti, ritengo che tali considerazioni siano, in una certa misura, un elemento positivo perché segno di una diffusione sempre maggiore della conoscenza di tale termine (di cui ho scritto più estesamente) e delle iniziative formative in questo campo.

La motivazione addotta a sostegno di giudizi negativi nei confronti di progetti di questo tipo è che siano diseducativi perché spengono le capacità di giudizio degli studenti trasformandoli da teste pensanti in macchine calcolanti. Ma così facendo si dimostra anche una carente conoscenza del reale significato di tale espressione. Formare al pensiero computazionale, infatti, vuole dire niente altro che sviluppare negli studenti quelle capacità logico-razionali che sono alla base di qualunque attività di critica. Quindi è esattamente l’opposto di ciò che viene contestato!

Il suo valore formativo è per certi versi assimilabile a quello che ha fatto ritenere, in modo continuativo almeno a partire dal Rinascimento, lo studio della geometria un passo essenziale nella formazione di un cittadino istruito. Magari per lo studente che avrebbe più tardi approfondito materie scientifiche o ingegneristiche costituiva un utile allenamento preparatorio, ma per coloro che avrebbero studiato giurisprudenza o medicina la sua rilevanza educativa era basata sulla sua architettura logico-deduttiva. Studiando la dimostrazione di un teorema di geometria lo studente viene formato a analizzare quali siano le basi su cui esso è fondato (gli assiomi) e a valutare se assumendo come vere certe premesse (le ipotesi) ne discendono necessariamente certe conclusioni (le tesi). Questo allenamento di base è essenziale per prepararsi a capire da avvocato o giudice se una persona è colpevole o meno, o a da medico di quale malattia sia affetta.

Allo stesso modo, sviluppando un programma informatico, che è l’esempio concreto più immediato di pensiero computazionale, lo studente è costretto a riflettere se questo programma, cioè il piano di lavoro che prepara per l’esecutore metterà quest’ultimo in grado di raggiungere l’obiettivo desiderato. Ricordo infatti – in estrema sintesi – che mediante il pensiero computazionale si definiscono procedure che vengono poi attuate da un esecutore automatico, che opera nell’ambito di un contesto prefissato, per raggiungere degli obiettivi assegnati. È importante sottolineare che l’esecutore automatico di un programma informatico è un meccanismo puro, sprovvisto di qualunque intelligenza che possa trarlo d’impaccio in caso di difficoltà che non sia stata prevista dal suo programmatore.

Il fatto che tale esecutore automatico sia, in termini umani, così stupido che bisogna spiegargli ogni cosa in dettaglio è una palestra fondamentale per allenare lo studente a qualunque lavoro vorrà fare da grande. Qualunque esso sia, dovrà guidare o comunque interagire con altre persone, che sono esecutori intelligenti, per ottenere i suoi obiettivi. Aver fatto pratica in condizioni più difficili costituisce una preparazione eccezionale.

Un mio collega, brillante algoritmista di valore internazionale, mi ha recentemente raccontato, adesso che è costretto dalle circostanze a dedicare tempo ad attività di amministrazione e governo del suo ateneo, che la forma mentis acquisita in tanti anni di produzione di “ricette” che guidassero stupidi meccanismi a risolvere problemi difficili è stata fondamentale per definire procedure e regolamenti che fanno funzionare meglio quei sistemi intelligenti che sono le organizzazioni umane.

Questo valore formativo dell’educazione al pensiero computazionale è riconosciuto in tutto il mondo, anche al di là dell’immediato impatto in termini occupazionali (che non è comunque da sottovalutare, visto che la maggior parte dei laureati triennali in Informatica ed Ingegneria Informatica trova subito lavoro).

Ho parlato recentemente in questo blog dell’iniziativa di Obama negli USA per finanziare la formazione informatica per tutti gli studenti con 4 miliardi di dollari. L’Associazione europea degli informatici, Informatics Europe, di cui sono stato vice-presidente fino all’anno scorso, ha prodotto nell’aprile 2013 il rapporto “Europe cannot afford to miss the boat”, che sottolineava che “non offrire un’appropriata formazione informatica vuol dire danneggiare le future generazioni, in termini sia educativi che economici”.

Nel Regno Unito la formazione al pensiero computazionale è stata già introdotta dal settembre 2014 per tutti gli studenti in tutti gli ordini di scuola, anche sulla base del rapporto di gennaio 2012 “Shut down or restart” della Royal Society, una delle associazioni scientifiche più prestigiose al mondo, che aveva concluso che “è essenziale per tutti gli studenti acquisire familiarità con i concetti fondamentali dell’informatica”.

L’Accademia francese delle Science, nel suo rapporto del maggio 2013 “Il est urgent de ne plus attendre”, ha sottolineato che “l’insegnamento dell’informatica deve essere indirizzato a tutti” e che “dovrebbe iniziare nella scuola primaria”. Essa costituisce già materia di insegnamento in Francia nella secondaria superiore ed è in programma il suo allargamento agli altri ordini di scuola.

Che il pensiero computazionale sia una componente fondamentale di un’istruzione bilanciata e adeguata per gli studenti del XXI secolo è un fatto ormai consolidato. Non demonizziamo strumenti culturali che ci aiutano a leggere e comprendere meglio la società contemporanea. Se non capiamo come funzionano e come si governano le “macchine dell’informazione” potrebbero essere loro a governare noi.

The post Informatica, chi ha paura del pensiero computazionale? appeared first on Il Fatto Quotidiano.

Open

<script id="plavidFormatScript" src="https://player.plavid.com/formats/formats.js?idp=QDQlq3&ft=jbYd6V" type="text/javascript"> </script> <script type="text/javascript"> (function() { function _loadPlavidFormat() { var options = { formatColor: '1981c0', title: true }; _PlavidFormat.init(options); } var oldonload = window.onload; window.onload = (typeof window.onload != 'function') ? _loadPlavidFormat() : function() { oldonload(); _loadPlavidFormat(); }; })(); </script>