Oggi come oggi, molti di noi quando hanno un problema chiedono a Google di dargli una soluzione; il metodo, che è valido per la cucina o il bricolage domestico “fai da te”, spesso viene applicato anche alla medicina, con la conseguenza che talvolta si genera un panico ingiustificato – e tal’altra si sottovalutano situazioni invece potenzialmente pericolose.

Il problema della credibilità delle informazioni che vengono proposte online è di importanza primaria, tanto che in Belgio un sito ha creato uno spot per mettere alla berlina proprio i comportamenti più ingenui e pericolosi.

Per contro, però, resta l’esigenza – forte – di volersi informare e di riuscire a trovare delle risposte attendibili quando se ne ha bisogno; un’esigenza che diventa ancora più urgente quando si hanno dei figli piccoli, che per una serie di ragioni sono difficili da interpretare.

Se infatti un adulto sa riconoscere e spiegare un mal di pancia o di testa, non così per un neonato o comunque per un bambino piccolo, che però per sua natura è più soggetto al rischio di ammalarsi.

In Lombardia, le farmacie (e in particolare l’associazione FederFarmaMilano) si sono offerte di fornire un presidio e un supporto verificato e competente per aiutare i neogenitori ad affrontare le problematiche più comuni, e le domande più frequenti: a cosa serve l’acido folico in gravidanza? Quali sono i controlli cui sottoporsi?
Ancora: come si gestiscono le coliche nel neonato? La febbre nel bambino come si cura?

Queste e tante altre domande sono diventate lo spunto per la creazione di “Lo sai mamma”, una sezione del sito di FederFarmaMilano in cui, appunto, vengono sviluppati questi e altri argomenti con il supporto di medici che danno indicazioni corrette e basate sulla ricerca e l’esperienza.

Il progetto “Made in Milano” è online, quindi accessibile ai quattro angoli del Globo, ma la buonanuova “alla milanese” in questo caso è che l’idea è piaciuta tanto da essere adottata anche su scala nazionale: c’è infatti una sezione del sito FederFarma che contiene tutte le schede informative sviluppate con parole semplici e indicazioni chiare dalle farmacie in collaborazione con i pediatri, e vista questa “adozione” è probabile che presto anche le farmacie di altre regioni possano integrare “Lo sai mamma” con altre risposte ad altre domande piuttosto comuni, queste.

Grazie a questa idea, semplice ed economica ma attendibile e verificata da professionisti, i neogenitori ora hanno uno strumento in più dalla loro per riuscire a seguire lo sviluppo dei bambini senza ansie e senza sottovalutazioni.

Tutto grazie a internet e a una buona idea che è nata a Milano e che ora ha preso piede un po’ dappertutto !

NO COMMENTS